CONFEDILIZIA DICE NO ALL’AUMENTO DELLA CEDOLARE SECCA PER GLI AFFITTI ABITATIVI CALMIERATI, CHE SONO UNA MISURA SOCIALE, CHE GARANTISCE ESTESI STRATI DELLA POPOLAZIONE
La cedolare funziona, ha abbattuto l’evasione fiscale: perché cambiarla?
La decisione del Governo di aumento per la cedolare secca per gli affitti abitativi calmierati, che passerebbe dall’attuale 10 per cento al 12,5 per cento dal 1° gennaio 2019, ovverosia pari al 25%, non incontra il favore né dei proprietari né degli inquilini ed è pure contrastata da molti esponenti delle forze politiche e dai sindacati.
Confedilizia Catanzaro, nel manifestare la sua contrarietà all’iniziativa governativa, si è pure fatta promotrice di una mobilitazione su Facebook per scongiurare siffatto aumento, con una pagina che esprime con chiarezza l'obiettivo: "NO all'aumento per la cedolare secca per gli affitti abitativi calmierati". L'indirizzo della pagina è il seguente: www.facebook.com/noaumentocedolaresecca.

Per maggiori informazioni clicca qui

CONFEDILIZIA: GRAZIE ALLA CEDOLARE SECCA DIMEZZATA L’EVASIONE NEGLI AFFITTI: - 50,45% dal 2012 al 2017
Di rilievo anche i dati sui contratti concordati di locazione
 
Per effetto dell’introduzione della cedolare secca, l’evasione tributaria negli affitti si è ridotta – dal 2012 al 2017 – del 50,45 per cento. Il dato è certificato dal “Rapporto sui risultati conseguiti in materia di misure di contrasto all’evasione fiscale e contributiva” allegato alla nota di aggiornamento del Def, che calcola il tax gap nei diversi tributi.
«Si tratta – ha dichiarato il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa – di una nuova conferma dell’efficacia di un regime di tassazione che si contraddistingue per equità e semplicità. Ora auspichiamo che Parlamento e Governo intervengano per estendere e rendere strutturale una misura che ha dimostrato di funzionare sotto ogni punto di vista».

INCONTRO ALLA BCC DI MONTEPAONE TRA I VERTICI DELLA BANCA E I PRESIDENTI NAZIONALI DI CONFEDILIZIA E DELLA FIAIP

Un importante incontro è stato quello che si è svolto presso la sede della Banca di Credito Cooperativo di Montepaone tra il presidente, Giovanni Caridi, il direttore generale, Antonio Dodaro, e il responsabile delle filiali di Montepaone e Soverato, Paolo Alberto Mazzotta, con il presidente nazionale della Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, il presidente regionale Calabria della stessa associazione, Sandro Scoppa, e il presidente della Fiaip – Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali, Gian Battista Baccarini.

FORUM SULL'IMMOBILIARE CON IL PRESIDENTE NAZIONALE DI CONFEDILIZIA